Protezione, previdenza, polizza key man

Protezione

La prima preoccupazione di ogni buon padre di famiglia dovrebbe essere la protezione dai grandi rischi che la vita quotidiana pone a carico della famiglia e dei suoi componenti.
Le coperture assicurative rischio puro hanno la funzione di sollevare il contraente da eventi negativi potenzialmente dannosi: l’incendio della casa, la premorienza di un componente del nucleo familiare percettore di reddito, l’invalidità da malattia e infortunio, la responsabilità civile per gli atti commessi da familiari e animali domestici.
Per quanto riguarda i rischi minori è consigliabile provvedere ad accantonare di propria iniziativa una somma a cui attingere in casi di emergenza piuttosto che stipulare un’apposita copertura assicurativa. Per rischi minori si intendono quelli dalle conseguenze economiche limitate e sopportabili come, ad esempio, la perdita temporanea del posto di lavoro, il guasto dell’automobile, le manutenzioni non programmate dell’abitazione, l’infortunio o la malattia di lieve entità, ecc. Il concetto alla base di questa distinzione è che polizze superflue rappresentano una spesa inutile in quanto, nella maggior parte dei casi, il beneficio della tutela non compensa l’entità dei premi da corrispondere.
In questo ambito il nostro supporto consiste nell’individuare i grandi rischi che, lo ribadiamo, sono quelli il cui verificarsi potrebbe mettere in seria difficoltà economica la propria famiglia e nel quantificare l’entità delle coperture necessarie che non devono essere sottostimate, per fornire una tutela adeguata alle necessità familiari, ma nemmeno sovrastimate, per non sprecare denaro in premi assicurativi inutili o superiori al livello di tutela desiderato.

Pianificazione tutele personali e familiari:

  • Analisi delle coperture dai rischi di furto e incendio in funzione dell’ubicazione e delle caratteristiche dell’abitazione;
  • Analisi delle coperture assicurative rischio puro per malattia, invalidità e premorienza in funzione della situazione familiare e reddituale
  • Verifica dei preventivi rischiesti per le singole coperture

 

Previdenza

Le recenti modifiche legislative in materia previdenziale e i cambiamenti in atto nella dinamica demografica influiscono sulla posizione previdenziale di ogni lavoratore e sono di una portata tale da rendere opportuna la verifica della propria situazione.

Attraverso un’analisi dettagliata ed approfondita, evidenziamo i requisiti necessari a maturare il diritto a percepire la pensione pubblica e simuliamo le condizioni alle quali verrà erogata la rendita. Attraverso il confronto tra le risorse garantite dal sistema previdenziale pubblico e il livello del tenore di vita da mantenere in pensione, quantifichiamo l’eventuale mancanza di risorse e stabiliamo l’entità dell’accantonamento necessario per colmare il gap.

La Consulenza Previdenziale prevede quindi la valutazione degli strumenti più efficienti per integrare la pensione pubblica e l’analisi di convenienza economica dei prodotti previdenziali eventualmente già sottoscritti, anche alla luce dei benefici fiscali concessi per incentivare la previdenza integrativa (il cosidetto secondo pilastro).

Pianificazione previdenziale:

  • Analisi della situazione contributiva attuale (obbligatoria ed eventualmente complementare);
  • Definizione della data di pensione e stima dell’importo atteso;
  • Analisi del divario tra il tenore di vita desiderato in pensione e tutte le risorse disponibili (pensione pubblica, rendite  da forme di previdenza complementare, rendite da capitali finanziari e/o immobiliari);
  • Analisi degli investimenti previdenziali eventualmente già sottoscritti e ricerca di soluzioni efficienti per colmare il gap pensionistico
  • Assistenza nella relazione con l’istituto erogante
  • Aggiornamento sulle novità legislative in materia previdenziale

 


 

Il servizio indipendente di broker assicurativi, offre ai  clienti  coperture assicurative selezionate ah hoc vagliando più Compagnie, in modo da poter essere un vero punto di riferimento e non  il classico “punto vendita monocompagnia”.

Soluzioni:

  • per la famiglia e il futuro;
  • per l’azienda;
  • risk management.

 

 


 

Polizza key men

L’uomo chiave In ogni realtà aziendale sono presenti figure che possono essere difficilmente sostituibili in relazione alla funzione strategica/tattica e alle competenze/capacità ricoperte nell’ambito dell’Azienda stessa, i così detti UOMINI CHIAVE – KEY MAN.

Tali figure professionali, svolgendo un ruolo di rilievo, possono essere diverse a seconda del settore in cui l’Azienda opera:

  • Gli Amministratori
  • Il Direttore commerciale
  • Un agente particolarmente importante e/o strategico
  • Il responsabile di un progetto innovativo.

CARATTERISTICHE

In caso di prematura scomparsa di un “Key man” l’azienda deve poter contare su risorse economiche immediate per sopperire le necessità del breve periodo, quali i costi dovuti alla ricerca e sostituzione, l’impatto sul business aziendale in virtù delle relazioni, il rischio di perdita di credibilità e affidabilità. Inoltre, qualora la persona scomparsa fosse uno dei soci è importante disporre del capitale per liquidare gli eredi, con la relativa quota di competenza, senza andare ad intaccare le risorse economiche dell’azienda.

Proposta assicurativa

  • Vita intera:
  • durata consigliata da 2 a 5 anni
  • permette la deduzione totale del premio da parte dell’Azienda; • può essere utilizzata come garanzia con le banche, al fine di negoziare migliori condizioni e diminuire le garanzie di firma
  • può essere riscattata dall’azienda, creando ritorni economici per ricoprire eventuali perdite, evitando ricapitalizzazioni e atti notarili (posticipazione d’imposte) e tassata quale sopravvenienza attiva
  • l’Azienda deve configurare come contraente e beneficiaria, per sostenere il principio di inerenza del costo, mentre l’assicurato è l’Uomo chiave, quindi nessuna imposizione fiscale in capo a quest’ultimo (no fringe-benefit)
  • prevede il pagamento di un capitale alla data di decesso dell’assicurato, in qualunque momento esso avvenga e consente il riscatto della polizza, a fronte di un limitato pagamento di premi (minimo 2 anni)
  • per la determinazione del capitale non esiste alcun limite massimo assicurabile, l’entità della copertura deve essere commisurata al ruolo produttivo della persona scomparsa e alla quota del valore patrimoniale della società spettante al
  • socio al momento della stipula della polizza (per società di persone)
  • possibilità di retrodatazione della polizza per consentire di dedurre 12/12esimi
  • influisce sul calcolo degli studi di settore in quanto da indicare nelle spese per acquisto di servizi.

> Consulta il progetto esemplificativo