360 Family office

Creiamo e gestiamo la Tua miglior Asset Allocation

 

 

Mission


Vendiamo tempo!

Trascorri la maggior parte del tuo tempo per diventare l’ospite più ricco del cimitero?

Consegnaci le chiavi di tutte le tue attività e goditi la vita. Ti accorgerai che i tuoi beni possono incrementarsi anche senza di te. In qualunque momento desiderassi tornare a soffrire, potrai farlo senza alcun problema.

 

Cosa intendiamo per Asset Allocation


Per noi è compreso tutto: non solo il classico portafoglio mobiliare ma anche aziende, immobili, oggetti d’arte e quant’altro. La nostra peculiarità è proprio quella di avere delle competenze a 360° e di riuscire a coordinarle. Non siamo dei tuttologi ma abbiamo degli specialisti in ciascun asset ed operiamo in tutto il mondo.

Il concetto di Asset Allocation è legato a quello di diversificazione: gli investimenti vengono suddivisi tra beni diversi, in relazione alle proprie esigenze, al grado di rischio che si vuole sopportare ed alla volatilità che si decide di accettare.

Per noi diversificare significa investire sentendosi cittadini del mondo e non ragionando esclusivamente in euro: non esistono altre Family Office che lavorano come noi in Italia.

Esiste un’Asset Allocation ideale per qualsiasi investitore?

Non esiste un allocazione di portafoglio “ideale” valida per tutti gli investitori. Necessita trovare il “mix” più adatto alla propria propensione al rischio, il proprio orizzonte temporale ed ai propri obiettivi. La peggiore strategia è quella di non averla: cambiare continuamente opinione facendosi trasportare dall’emotività. Per orizzonte temporale s’intende il numero di anni in cui il risparmiatore è disposto ad investire per raggiungere i suoi obiettivi, chi ha un orizzonte temporale più lungo può assumere un livello di rischio maggiore di chi ha un orizzonte più breve.

La propensione al rischio è la capacità di sopportare di perdere parte del proprio investimento iniziale in cambio di un maggiore rendimento, viceversa, un investitore con una tolleranza al rischio bassa tende a favorire gli investimenti che preservano il proprio investimento iniziale.

 

La scelta dell’Asset Allocation incide per oltre il 90% del rendimento


Diversi studi hanno dimostrato che la performance  dipende per oltre il 90% da come le attività sono ripartite nel lungo periodo.

Noi intendiamo applicare questo concetto su tutto il patrimonio famigliare e non solo a quello mobiliare.

La performance non è data dalla capacità di scegliere le attività giuste (stock picking) o di entrare ed uscire dal mercato nel momento opportuno (market timing), impresa peraltro assai ardua, ma dall’Asset Allocation strategica. Questo non significa che il portafoglio debba essere immobilizzato per anni ma che dovrà essere bilanciato periodicamente senza perdere di vista la strategia.

I risparmiatori italiani, anche quelli più sofisticati e con portafogli ingenti, stanno lottando tra la ricerca di rendimento e la protezione del capitale. Non hanno obiettivi finanziari definiti e non hanno dei piani per rispondere alle loro esigenze. Molti sono combattuti tra il desiderio di alti rendimenti senza saperne valutare i rischi. Nonostante il 63% affermi che la crescita della ricchezza rappresenta una priorità rispetto alla protezione del capitale, nella pratica ben il 75% continua a scegliere la sicurezza rispetto alla performance.

Molti investitori hanno fissato obiettivi ambiziosi, ma non hanno un progetto realistico per raggiungerli.  In questo particolare scenario economico, caratterizzato da deflazione e tassi d’interessi negativi,  più che in passato, i risparmiatori hanno bisogno di essere aiutati a comprendere il proprio profilo di rischio.

 

Metodo


Le previsioni hanno una pessima affidabilità perchè si basano su elementi incerti come il comportamento e la reazione delle persone alla situazione economica. In sostanza il corso degli eventi è indeterminabile a priori. Perciò la maggioranza degli investitori, seguendo le previsioni finanziarie, fa peggio del mercato.

Se si vuole giocare a battere il banco è meglio andare al casinò a giocare alla roulette. “Investire dovrebbe essere noioso, non eccitante, dovrebbe essere un po’ come guardare la vernice che si asciuga o l’erba che cresce”, sostiene il premio Nobel per l’economia Paul Samuelson.

Perciò non puntiamo a battere il mercato, ma a raggiungere un risultato positivo nel tempo stabilito.

Non ci affidiamo alle previsioni, ma ci concentriamo su un processo disciplinato e ripetibile per trasformare le idee di investimento in portafogli efficienti.

La nostra ricetta per raggiungere il risultato è fatta di:

  • valutazione della capacità di rischio del cliente
  • rispetto dell’orizzonte temporale stabilito
  • corretta valutazione degli investimenti
  • utilizzo di strumenti efficienti
  • costanza nell’applicazione del metodo.

 

Codice etico


In qualità di dottori commercialisti, la fatturazione viene effettuata direttamente da un’iscritto all’albo professionale, ci impegniamo a rispettare e garantire quanto segue:

  1. Indipendenza di giudizio e libertà di scelta garantita dal lavoro in team di una pluralità di consulenti finanziari appartenenti a realtà diverse.
  2. Praticare la più grande trasparenza in ordine ai costi sostenuti dal cliente nello svolgimento della relazione professionale.
  3. Fornire servizi professionali con la dovuta prudenza, onestà intellettuale, obiettività e imparzialità. Ci impegniamo, quindi, a fornire al cliente informazioni adeguate su rischi, costi e oneri degli strumenti finanziari e delle strategie di investimento consigliate.
  4. A non rivelare informazioni confidenziali che emergessero dal rapporto professionale con il cliente senza il consenso specifico del cliente stesso. Ci impegniamo, quindi, a rispettare l’obbligo della riservatezza e del segreto professionale su ogni informazione ricevuta in forza dell’incarico ricevuto.
  5. Non ricevere denaro, mezzi di pagamento o valori mobiliari.
  6. Non effettuare operazioni per conto del cliente, né riceve mandati o deleghe ad effettuare compravendite, negoziazioni o altre operazioni similari.
  7. Non percepire commissioni, provvigioni, abbuoni, premi, indennità o altre forme di compenso da terzi che non siano rappresentate dalla sola parcella pagata del cliente.

Check -up


Siaamo a vostra disposizione per fornirvi una prima assistenza e illustrarvi il nostro punto di vista su:

  1. Il funzionamento dei mercati finanziari
  2. Il comportamento degli investitori
  3. Il nostro metodo di investimento
  4. La nostra strategia nel contesto di investimento attuale
  5. Come possiamo aiutarvi a raggiungere i vostri obiettivi

A seguito del check – up, se le esigenze del cliente richiedono il proseguimento della consulenza, presenteremo un preventivo personalizzato.

 

Come operiamo


  1. Con cadenza almeno mensile effettueremo una conference call per definire l’asset allocation;
  2. Valuteremo eventuali investimenti alternativi, sia nel settore immobiliare (in Italia e all’estero) che nel settore delle PMI innovative; non effettueremo selezione di titoli per voi in quanto questa attività è assolutamente inutile;
  3. Mettendo a disposizione le risorse della propria struttura, vi offriremo un servizio completo di consulenza per la gestione di tutto il patrimonio.
  4. Scegliamo solo strumenti trasparenti, possibilmente acquistandoli attraverso piattaforme specializzate di banche online preferibilmente ETF (fondi a replica passiva).

 

Le competenze del Team


  • Analisi del Portafoglio
  • Analisi dell’Asset Allocation in funzione degli obiettivi personali
  • Valutazione di costi ed efficienza dei prodotti utilizzati
  • Gestione del rischio
  • Pianificazione patrimoniale
  • Passaggi generazionali
  • Assistenza legale
  • Valutazione del patrimonio immobiliare
  • Temporary management

 

FAQ


Perché dovrei affidarmi a voi quando posso fare tutto da me?

Perché è difficile fare scelte consapevoli ed efficaci senza l’utilizzo di strumenti di analisi avanzati, metodologie corrette, conoscenze tecniche approfondite e tempo da dedicare… e senza cadere negli errori tipici dell’essere umano alle prese con decisioni che riguardano il denaro in un ambito, come quello dei mercati finanziari, caratterizzato dall’incertezza e dalle emozioni dei partecipanti.

Quanto posso guadagnare con voi?

Non promettiamo rendimenti, ma possiamo aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi senza farti correre più rischi del necessario.

Chi ci consiglia ora opera in conflitto di interesse?

Banche e Società di gestione del risparmio (SGR) vendono in conflitto d’interessi  Fondi comuni di investimento, Gestioni in fondi (GPF), Gestioni mobiliari (GPM), SICAV, hedge funds, Fondi immobiliari, ecc.

Compagnie di Assicurazione vendono Unit Linked, Index Linked e altre polizze del ramo vita.

Quale è indicativamente la “parcella occulta” del risparmio gestito?

Fondi e Sicav 2,5 – 3,0%

Gestioni patrimoniali in fondi (GPF) 3,5%

Gestioni patrimoniali mobiliari (GPM) 2,0 – 3,0%

Gestioni assicurative 4,0 – 5,0%

Hedge Fund, Private equity, Fondi immobiliari 4,0%

Media 3,0 – 3,5%

Quali sono le forme di investimento possibili?

Investimento finanziario —>  azioni  ed obbligazioni

Investimento immobiliare indiretto  —>  Fondi immobiliari, Reits

Investimento immobiliare diretto —> gestiti in proprio, nude proprietà  e quote di società

Come posso seguire i vostri consigli? Devo spostare i miei soldi?

Non entriamo mai in contatto con il tuo denaro e non possiamo operare per conto tuo. Puoi eseguire direttamente le operazioni consigliate con la tua banca di fiducia (o con qualsiasi altro canale utilizzato) senza spostare il denaro o aprire nuovi conti. Rientra nel nostro ruolo eventualmente indicare quali intermediari siano qualitativamente migliori in base alle necessità d’investimento.

Quali garanzie ho nell’affidarmi a voi?

La più importante garanzia è la nostra scelta professionale di operare in totale libertà e indipendenza. Questo significa che non abbiamo politiche commerciali da seguire né budget di vendita da raggiungere. Siamo libero di pensare e di agire nell’interesse del cliente.

Perché dovrei pagare se posso accedere gratuitamente alla consulenza?

Perché la “consulenza gratuita” è finalizzata alla vendita di prodotti caratterizzati spesso da elevati costi (diretti e indiretti) e da alti rischi (palesi o occulti) sopportati interamente dal cliente.

 

UA-844812-4